Come coltivare buone piantine

Come coltivare buone piantine

Se per ogni ortaggio i professionisti consigliano di scegliere un sito di impianto, un terreno speciale e l’osservazione delle condizioni di temperatura, lo stesso deve essere osservato quando si coltivano piantine di ortaggi. Ma spesso tutti i tipi di piantine vengono coltivati ​​nello stesso terreno e nella stessa stanza. Ma tutti i giardinieri vogliono che questa piantina porti un buon raccolto in futuro. Come coltivare piantine di qualità? Quali regole devono essere seguite?

In effetti, le regole di base per coltivare piantine di qualsiasi coltura vegetale sono molto simili, alcune praticamente coincidono. La cosa principale è la stretta osservanza di queste regole..

Poiché non c’è abbastanza luce naturale durante la crescita delle piantine, i residenti estivi e i giardinieri scelgono il luogo ottimale per coltivarlo: questi sono i davanzali. Ma la temperatura su di loro deve essere di almeno quattordici gradi Celsius. Inizia i lavori preparatori con l’isolamento del davanzale della finestra. Non dovrebbe esserci nemmeno un piccolo spazio nel telaio della finestra. La minima corrente è nemica delle piantine. Il davanzale stesso è quasi sempre freddo, quindi sarebbe bene stendere un panno spesso o una coperta sotto le scatole.

Successivamente, dovresti occuparti della preparazione dei contenitori per piantine. Le reti commerciali ne offrono un numero enorme, ma l’opzione più economica sono i normali bicchieri di plastica di due tipi. Ogni pianta avrà bisogno di un bicchiere piccolo e uno grande in fasi diverse. In uno più piccolo (con una capacità fino a cento millilitri) pianterai semi e in uno più grande (con un volume fino a cinquecento millilitri) verrà trasferita una piccola piantina.

Preparare le tazze per le piantine

Preparare le tazze per le piantine

Se utilizzi contenitori speciali acquistati da un negozio, non richiedono ulteriore formazione. Ma i bicchieri di plastica devono essere preparati in anticipo..

Su ogni fondo in vetro devono essere praticati fino a cinque fori di drenaggio. Questo può essere fatto facilmente con un chiodo o un ferro da calza riscaldato sul fuoco. Perforano facilmente il fondo. Questi fori di drenaggio sono essenziali per un buon sviluppo delle radici delle piantine. Verrà fornito un adeguato ricambio d’aria alle radici delle piante, l’acqua in eccesso lascerà più velocemente attraverso i fori.

Preparazione del terreno per le piantine

È buono quando c’è il tempo necessario per preparare un terreno speciale per ogni piantina di ortaggi. Se non c’è tempo, puoi utilizzare miscele di terreno universali adatte a tutti i tipi di piantine..

  • Miscela n. 1. Preparato da vermicompost e fibra di cocco (in un rapporto di uno a due).
  • Miscela n. 2. Preparato da fieno tritato e vermicompost (in un rapporto di uno a tre).
  • Miscela n. 3. Preparato da parti uguali di torba e terra erbosa e due parti di humus.
  • Miscela n. 4. Preparato da terriccio e torba (tre parti ciascuno) e segatura (una parte).
  • Miscela n. 5. Preparato da humus, foglia e terra di zolle (in parti uguali).

Per ogni secchio di terriccio preparato, aggiungi un bicchiere di cenere.

Preparazione dei semi per piantare piantine e seminare

Preparazione dei semi per piantare piantine e seminare

Esistono molti metodi preparatori per piantare semi. Ma ci sono i più importanti: ammollo e decapaggio in una soluzione di manganese. Queste due tecniche sono considerate una delle più importanti per garantire una germinazione veloce e abbondante. Ricorda solo che i semi che sono già stati elaborati vengono piantati a secco..

Ammollo e condimento dei semi

I semi che sono stati raccolti con le proprie mani dal loro sito la scorsa stagione non hanno bisogno di essere immersi. E con i semi precedenti (vecchi) e acquistati nei negozi, è preferibile eseguire questa procedura. Questi semi vengono immersi in acqua tiepida per circa dodici ore..

Dopo l’immersione in acqua normale, i semi vengono trasferiti in un contenitore con una soluzione di manganese debole (leggermente rosata) e lasciati per altre tre ore. Successivamente, viene filtrato attraverso un setaccio e steso su dischetti di cotone. Il batuffolo di cotone assorbe rapidamente più liquido e dopo quindici minuti puoi iniziare a seminare.

Semina per piantine

È il momento di utilizzare i contenitori e gli impasti preparati in anticipo. Ogni bicchiere viene riempito di terra per un terzo, pigiandolo leggermente. La miscela umida è già adatta per l’inizio della semina e quella secca deve essere inumidita.

La profondità di semina dei semi è solitamente indicata nelle raccomandazioni sulla confezione. Il più ottimale non supera i due centimetri. La semina profonda ritarderà l’emergere dei germogli, poiché sarà difficile per loro “guadare” il terreno in superficie. E con una semina più profonda, i semi potrebbero non germogliare affatto..

Quanti semi dovrebbero essere piantati in ogni contenitore? I semi acquistati (e di origine sconosciuta) sono meglio seminati in cinque pezzi in una tazza. Dopo la comparsa dei germogli, sarà possibile sbarazzarsi di quelli più deboli e meno sviluppati. I semi presi dal tuo giardino (di cui ti fidi) possono essere piantati in due pezzi in un bicchiere. In futuro, uno di loro sarà più forte e sceglilo.

Quindi tutte le tazze con i semi piantati vengono riposte in una scatola di legno o plastica (o in altro contenitore adatto), coperte con pellicola e trasferite in un luogo caldo e buio. Dovremo controllare quotidianamente per vedere se sono comparsi i primi scatti. Con il loro aspetto, il film viene immediatamente rimosso e la scatola viene trasferita su un davanzale preparato, dove c’è molta luce e calore.

Raccolta delle piantine

Il tempo per la raccolta arriva circa 15-20 giorni dopo la comparsa dei primi germogli

Il momento della raccolta arriva circa 15-20 giorni dopo la comparsa dei primi germogli. Durante questo periodo, ogni piccola piantina ha già avuto 3-4 foglie vere. Ora hai bisogno di bicchieri di plastica più grandi. In essi, le piantine coltivate vengono trapiantate mediante trasbordo. Una palla terrosa intatta protegge la pianta dallo stress del trapianto e continua a crescere ulteriormente senza complicazioni..

Dopo aver trapiantato le piante in ampi contenitori, innaffiatele subito abbondantemente e mettetele per due giorni in un luogo ombreggiato, al riparo dalla luce del sole..

Trascorsa una settimana dalla raccolta, sarà chiaramente visibile quali piantine devono essere lasciate e quali devono essere rimosse. Le piantine più deboli vengono rimosse pizzicandole alla base del fusto.

Innaffiare e spruzzare piantine

Innaffia le piantine con cura. È molto importante trovare una via di mezzo: il terreno ha bisogno di umidità costante, ma è molto dannoso quando ce n’è troppa. L’eccessiva umidità nel terreno interferisce con la penetrazione dell’ossigeno e attira varie infezioni fungine.

Nei primi due mesi di crescita della piantina, la pianta non ha bisogno di molta umidità. E nei prossimi due è necessaria un’irrigazione frequente, poiché c’è una rapida crescita di tutte le parti della pianta.

Le piantine piccole e facilmente ferite devono essere annaffiate con cura e attenzione per non danneggiarle. Questo può essere fatto usando normali cucchiai, una pipetta o una siringa medica usa e getta. Una piccola quantità d’acqua penetra rapidamente nel terreno e la superficie rimane asciutta (il che protegge anche dalla “gamba nera”).

Le piantine già coltivate vengono annaffiate generosamente due volte a settimana. È meglio versare acqua nel vassoio, quindi la piantina stessa prenderà tutta l’umidità di cui ha bisogno. Con questo metodo, le piante non temono il riempimento insufficiente e il trabocco..

La spruzzatura è un altro modo utile per idratare le piantine. Può essere effettuato ogni giorno da un flacone spray con acqua a temperatura ambiente con l’aggiunta di un farmaco per proteggere dalle malattie (ad esempio “Fitosporina”).

Piantine rotanti

Qualsiasi pianta si volta verso la luce, da qualunque parte sia

Qualsiasi pianta si rivolge alla luce, non importa da che parte si trovi. Per le piantine in piedi sul davanzale, la fonte di luce è solo dal lato della finestra e quindi le piante si inclinano notevolmente verso di essa. Per evitare che le piantine crescano inclinate da un lato, è necessario girare le scatole principali con piccoli contenitori di centottanta gradi una volta al giorno..

Condimento superiore delle piantine

Le piantine vengono alimentate tre volte:

  • Subito dopo la comparsa dei primi scatti.
  • Quindici giorni dopo l’attuazione della scelta.
  • Poco prima del trapianto in piena terra.

L’infuso di Vermicompost viene utilizzato come fertilizzante universale per tutti i tipi di piantine. È molto semplice prepararlo: mescolare due litri di acqua e due bicchieri di vermicompost e insistere per un giorno.

Indurimento delle piantine

Le piantine, abituate alle condizioni di vita indoor, dovrebbero gradualmente passare all’esposizione alle radiazioni ultraviolette e al cambiamento di temperatura. Un’abitudine così graduale aiuterà la pianta ad adattarsi più rapidamente in condizioni di campo aperto in futuro..

È necessario iniziare questo processo quando inizia il caldo clima primaverile e la temperatura dell’aria di notte non scenderà sotto i dodici gradi Celsius..

I primi dieci giorni, le piantine vengono lasciate su un balcone vetrato (con finestre chiuse), dove c’è più luce solare durante il giorno e più fresca di notte. A partire dalla prossima settimana, ogni giorno devi aprire la finestra sul balcone durante il giorno, a partire da quindici minuti al giorno e aggiungendo da venti a venticinque minuti ogni giorno. Pochi giorni prima di piantare nel terreno, le piantine dovrebbero essere lasciate sul balcone con le finestre aperte per tutto il giorno..

Prevenzione delle malattie delle piantine

La malattia delle piantine più comune è la gamba nera.

La malattia delle piantine più comune è la gamba nera. È impossibile curare una pianta da questa malattia, quindi è necessario prendersi cura delle misure preventive. Non sono complicati:

  • Illuminazione uniforme e adeguata.
  • Evitare ristagni d’acqua del terreno.
  • Presenza obbligatoria di fori di drenaggio in contenitori con piantine.
  • L’uso di prodotti biologici durante la spruzzatura.
  • Terreno sciolto, che contiene cenere.

Ogni coltura di piantine necessita di un regime di temperatura individuale e di un’illuminazione aggiuntiva. Diverse colture orticole hanno requisiti diversi per questi processi. Se è impossibile prendersi cura di ogni tipo di piantina separatamente, allora dovrai concentrarti sulla sua maggioranza.