Pantofola da donna

Pantofola da donna. Paphiopedilum. Crescere e prendersi cura di casa

Ogni tipo di orchidea è magnifico a modo suo e unico nella bellezza. Pafiopedilum in questa materia è il leader assoluto. Molti amanti dei fiori mostrano un genuino interesse per lui. L’aspetto di questo fiore è insolito e persino originale. Nella forma, ricorda una normale scarpa piccola. Fu per questa somiglianza che la pianta ricevette il suo secondo nome: la pantofola di Venere.

Questo fiore dall’aspetto stravagante si sente benissimo a casa. Il suo periodo di fioritura può durare molto a lungo, da diversi mesi a un anno. Ciò significa che l’appartamento avrà sempre una vera bellezza naturale che potrai ammirare. Inoltre, questa pianta è anche un meraviglioso arredamento..

Questa orchidea ha più di ottanta specie diverse nella sua famiglia. In natura, cresce su terreni boschivi umidi tra gli alberi o anche su ceppi. Le condizioni più favorevoli per la coltivazione del papiopedilum sono in Cina, India, Filippine e Malesia.

Per coltivare questo fiore in casa, dovrai ricreare qualcosa di simile al “vivente” naturale.

Pantofola da donna – in crescita e cura a casa

Pantofola da donna - in crescita e cura a casa

Temperatura

Tutte le specie variegate di orchidea papiopedilum amano il calore e non tollerano le basse temperature. Nella stanza in cui crescono, deve essere mantenuto un certo regime di temperatura, a seconda della stagione. In estate va da 23 a 27 gradi Celsius e in inverno da 18 a 24 gradi..

Le orchidee con grandi foglie verdi larghe sono specie amanti del freddo. Poiché non tollerano bene le alte temperature, sarà sufficiente per loro in estate – da 18 a 24 gradi, e in inverno – da 16 a 20 gradi.

Tutti i tipi di orchidee, compresa la pantofola della signora, rispondono positivamente agli sbalzi di temperatura durante la notte e durante il giorno. Ciò ha un effetto benefico sulla durata della loro fioritura e sullo sviluppo generale. Le temperature diurne dovrebbero essere di circa 5 gradi sopra la notte.

Modalità di irrigazione

Il Pafiopedilum necessita di annaffiature regolari, le stesse durante tutto l'anno

Il Pafiopedilum necessita di annaffiature regolari, le stesse durante tutto l’anno. Prima di annaffiare, l’acqua deve depositarsi o è necessario utilizzare acqua filtrata riscaldata a trenta gradi. In nessun caso l’acqua dovrebbe entrare nelle prese del foglio, inizieranno a marcire. In caso di contatto, tamponare delicatamente l’umidità con un tovagliolo di carta.

Il modo più comune per innaffiare un’orchidea è immergere il vaso in una ciotola d’acqua per un po’. Se il papiopedilum cresce in una miscela di terreno di torba e piccoli pezzi di corteccia d’albero, è sufficiente tenerlo in acqua per quindici minuti. E se ci sono pezzi grossolani di corteccia nel terreno, allora devono essere ben saturi di umidità, per circa 40 minuti.

Controlla la padella della pentola dopo l’irrigazione e scarica tutta l’acqua da essa. Il pallet deve essere vuoto. L’irrigazione successiva viene eseguita solo dopo l’inizio dell’essiccazione del terreno..

Umidità dell’aria

Questo tipo di orchidea vive naturalmente nelle foreste umide, dove l’umidità dell’aria è al settanta per cento. Quando viene coltivato in casa, è difficile raggiungere questo livello di umidità. Uno dei modi più efficaci per uscire da questa situazione è acquistare un umidificatore d’aria domestico, che sarà utile per tutti gli abitanti dell’appartamento..

Puoi usare un altro metodo. Un vaso di fiori con un’orchidea deve essere collocato in un pallet riempito con argilla espansa umida o muschio.

Fertilizzanti e alimentazione

La migliore fertilizzazione sarà un fertilizzante speciale per le orchidee. I fiori vengono nutriti con questa soluzione una volta al mese. Se stai usando fertilizzante per piante da fiore, la saturazione della soluzione dovrebbe essere la metà della norma..

Possono essere utilizzate anche medicazioni organiche, ma meno frequentemente, poiché accelerano il processo di decomposizione del substrato..

Trapianto e selezione del terreno

Di solito la scarpa viene ripiantata ogni due anni.

Quando è arrivato esattamente il momento di trapiantare la pantofola della signora può essere determinato da alcuni segni:

  • Dall’aspetto depresso della pianta
  • Odore sgradevole di marciume o muffa
  • Su un substrato densamente imballato

Di solito la pantofola viene ripiantata ogni due anni. È meglio eseguire questa procedura al termine della fioritura. Durante questo periodo, la pianta si adatta più facilmente e velocemente a un nuovo posto..

L’ulteriore crescita e sviluppo dell’orchidea dipende direttamente dalla corretta scelta del terreno. Può essere preparato indipendentemente dai seguenti componenti: 500 grammi di corteccia di pino tritata finemente, 100 grammi di torba e carbone ciascuno, 50 grammi di perlite e polvere di guscio.

Scegli un vaso di fiori largo, ma non alto. Nella parte inferiore è necessario disporre il drenaggio e quindi la miscela di terreno preparata. Prima di piantare in un nuovo vaso, è necessario esaminare attentamente le radici della pianta e rimuovere quelle danneggiate. I punti di taglio dovrebbero essere cosparsi di carbone attivo. La pianta deve essere asciutta. Dopo la semina, crea supporti per lunghi germogli..

La prima irrigazione viene effettuata solo 3 giorni dopo il trapianto.

Riproduzione della scarpa da donna

Riproduzione della scarpa da donna

Le orchidee Pafiopedilum si riproducono dividendo il cespuglio. Se ci sono almeno due germogli su ogni appezzamento, l’orchidea si abituerà rapidamente alle nuove condizioni e il periodo di fioritura inizierà prima.

La pantofola di una donna può essere coltivata a casa. La cosa principale è seguire rigorosamente tutte le regole di cura e manutenzione..